venerdì 18 maggio 2012

Post fantasma


Post fantasma che si autodistruggerà fra un periodo limitato di tempo.

Oggi vi racconterò un fatto in forma di fiaba.

C'era una volta una donna che diceva di essere una grande cuoca, raccontava a tutti che come cucinava lei era una favola e che le sue pietanze erano deliziose e anche se non tutti erano concordi lei non si demoralizzava e continuava imperterrita a raccontare a chiunque come fosse abile a preparare questo o quell'altro piatto. Ma siccome il diavolo fa le pentole ma non i coperchi un giorno avvenne un fatto spiacevole, ma andiamo con calma, fatevi raccontare tutto con un po' di ordine.

Avvenne, in un tempo non troppo remoto che un capitano della costa crociera (non so la nave, ma ho dei sospetti) approfittando di una sosta andò a tagliarsi i capelli. I parrucchieri si sa, son dei chiacchieroni e così fra una sforbiciata e una confidenza i due si misero a parlare
:-Mangerete bene in nave! E ad ogni ora! Ricordo che quando son andato in crociera ho messo su una bella pancetta!- principiò il parrucchiere
:-Eh, non mi lagno, non posso davvero lagnarmi, di quelle portate, di quelle delizie e per noi ogni tanto anche la possibilità di fare quache richiesta particolare-
:-Che meraviglia, mangerete di tutto! Un vero paradiso dei golosi!-
:-Sì, sì, di tutto, anche se...-
:-Anche se?-
:-A dirla tutta c'è una cosa che nessuno è mai stato in grado di prepararmi una buona pastiera, sa, io son di napoli e mi manca poter mangiare una buona pastiera, ma anche ricetta alla mano pare che i cuochi non riescano a prepararmela come dico io!-
Immediatamente al parrucchiere venne spontaneo andar con la mente a un'altra confidenza, di una sua cliente, napoletana, che gli aveva spesso aprlato di come la sua pastiera facesse leccare le dita a tutti e per compiacere il ricco cliente disse
:-E dov'è il problema? Servo una cliente napoletana bavissima a cucinare che mi racconta che fa una pastiera da favola, le chiederò di preparavela e ve la farò avere!-
:-Davvero? Ve ne sarei grato!-
L'avrete capito anche voi, la cliente altri non era che la donna che amava vantare le sue abilità culinarie e come il parrucchiere le disse della promessa lei accettò di preparare la torta.
Come fece non lo so, la pastiera è un dolce Pasquale e quello non era il periodo giusto, quindi trovare gli ingredienti non deve essere stata una passeggiata, ma so che in casa aveva grano cotto scaduto e che entro sera al capitano venne fatto avere l'agognato dolce.
Io non so chi fosse quel capitano, ma Schettino è napoletano e due settimane dopo la Concordia affondava... che si fosse trattato di un malore? Chi ha mangiato alla mensa della donna vanitosa afferma che potrebbe essere, io non ho ancora avuto il "piacere" e credo che mai l'avrò, ma forse una nuova luce potrebbe essere gettata sul tragico incidente.

Giusto per puntualizzare, il dialogo è frutto di una mia ipotetica ricostruzione, ma i fatti son veri e che il riso fosse scaduto lo so di per certo per aver letto la data sui barattoli.

15 commenti:

  1. Risposte
    1. non so, magari lo modifico, temo che qualcuna possa prenderla a male leggendolo :D

      Elimina
  2. Ma tu come facevi a sapere del riso scaduto? Conosci quella donna? mamma mia, questo post è davvero fantasma!!!mette i brividi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. edbbene sì, lo ammetto, e la battutaccia sulla costa incagliata venne fatta già dal giorno stesso in cui la torta era stata consegnata... ben prima dell'incidente effettivo... ti lascio immaginare le battute che son seguite al dramma ;-P

      Elimina
  3. notizie non confermate parlano di un'inspiegabile moria di pesci presso l'isola del Giglio... Le analisi escludono influenze di idrocarburi e/o metalli pesanti, ma chi mai può sapere cosa esca dalle mense di una nave...

    RispondiElimina
  4. ma la pastiera si fa col riso???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. così mi dicono :)

      http://www.pastiera.it/ricetta.htm

      Elimina
    2. mi correggono, non riso, ma grano cotto nel latte... io non la so fare quindi manco riconosco gli ingredienti, leggo solo la data di scadenza sulle scatolette

      Elimina
  5. Ciao cara! ma certo che voglio prendere un caffè con te, se vieni a Roma DEVI venire a trovarmi! mi piacerebbe tanto conoscerti e farti conoscere la piccola Nenè!:)Un bacione!

    RispondiElimina
  6. E' interessante... poi ora sono curiosa della pastiera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pastiera è un dolce tipoco napoletano, io non lo so preparare.
      Questa persona non è una brava cuoca, per cui tutti hanno fatto battute cattive quando è successo il fatto ;-)

      Elimina
  7. La pastiera si fa anche da me (molise), è buonissima (almeno quella della mamma, io non l'ho mai fatta)! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho mangiato quella calabrese di mia zia, ottima slurp :-P pare che questa invece sia meno buona :-P

      Elimina