mercoledì 18 aprile 2012

Il principe più brutto del mondo

Favola a 6 mani, l'inizio è di Giulia, il centro di Hal, la fine mia ;-)

C'era una volta, tanto tempo fa, in un Paese lontano lontano, un re che era il più bello di tutto il mondo.
Questo re aveva una figlia che era principessa ed era la principessa più bella di tutto il mondo. La principessa aveva un fratello che era un principe ed era il principe più brutto di tutto il mondo! Il principe più brutto di tutto il mondo aveva pochi capelli, il naso adunco, i denti storti e il doppio mento. Aveva le gambe ad x, era basso e con la pancia e aveva pure la gobba! A peggiorare la situazione c'erano poi i brufoli, le pustole e la puzza terribile che emanava nonostante i numerosi bagni.
Il principe più brutto di tutto il mondo era davvero brutto, ma nonostante questo la sua sorellina lo amava oltre ogni dire. "E' mio fratello", continuava a ripetere, "e io gli voglio bene".
La principessa più bella di tutto il mondo aveva un solo desiderio, che anche suo fratello diventasse bello, motivo per cui, quando compì 6 anni chiese come regalo di compleanno che facessero diventare suo fratello bellissimo.
Il re più bello di tutto il mondo amava moltissimo i suoi figli e subitò emise un bando dove invitava tutti i maghi, le streghe e gli stregoni del regno a presentarsi a palazzo per far diventare suo figlio bellissimo e ordinò a tutti i soldati di andare in giro per il regno a far conoscere la volontà del re.
I soldati, contenti di partire per fare i messaggeri invece che per fare la guerra iniziarono ad andare a cercare tutti i maghi, le fattucchiere e gli stregoni del regno e ne trovarono in gran quantità, ma nessuno, proprio nessuno!, pareva essere in grado di rendere il principe almeno un po' più bello. Gli fecero bere intrugli alle erbe e lo cosparsero di pomate e inguenti recitando formule magiche, gli fecero mangiare di tutto, ma l'unico effetto fu quello di far prendere al povero principe più brutto di tutto il mondo un terribile mal di pancia dopo aver mangiato troppe schifezze.
Il tempo passava, sempre più maghi venivano consultati, ma nonn accadeva nulla, così che il re e la principessa erano molto tristi, ma un giorno, quando ormai tutti si erano quasi arresi un gruppo di soldati sentì parlare di una strega che viveva dentro una casetta di legno nel bosco che forse avrebbe potuto far diventare bello il principe.
:-E' una strega potentissima!- dissero al villaggio al limitare del bosco, -Ma è anche molto brutta-
:-Non sarà mai brutta come il principe- risposero le guardie, ma gli abitanti del villaggio erano di un altro parere e continuavano a dire che era bruttissima, nonostante questo i soldati andarono nel bosco e presto trovarono la casetta in legno
:-Buongiorno!- dissero i soldati che salutavano sempre perché erano ben educati -vive qui la strega del bosco?-
:-Si- rispose una vocetta tremula dall'interno della casa
:-Ci dicono che lei potrebbe far diventare il principe più brutto di tutto il mondo, il figlio del nostro re molto bello, è vero?-
:-Certamente-, disse la vecchina uscendo di casa, -basta che mi baci-
La strega era vecchia, con la pelle verdognola, i pochi capelli crespi e grigi che le crescevano in rade ciocche sulla testa grinzosa, gli occhi strabili, il naso pieno di porri e la bocca piena di denti neri. Era così magra da sembrare uno scheletro che cammina, aveva le mani deformate dalla vecchiaia con lunghe unghie marroni ed era alta, molto alta, perché riusciva a guardare i soldati negli occhi nonostante una doppia gobba che le curvava la schiena, come se ciò non bastasse aveva giganteschi piedi che eranoi piedi più puzzolenti di tutto il mondo. Vestiva di stracci neri e grigi, non aveva scarpe, ma caiabatte. Era così brutta che alcuni cavalli vedendola scapparono via e molti soldati si sentirono male all'idea del bacio fra lei e il principe, ma se quella era la cura andava portata a corte, così la presero, la infilarono in un sacco e corsero dal re il più velocemente possibile per sbarazzarsi di quel terribile odore di piedi che veniva dal sacco dove era chiusa la strega.
Arrivati a corte raccontarono al re tutto quanto
:-Quindi in quel sacco c'è la strega che potrà aiutare mio fratello?- chiese la principessa
:-Si vostra piccola altezza- risposero i soldati
:-E voi la trattate a questo modo? Siete degli screanzati! Liberatela subito!-
i soldati obbedirono, ma come la strega uscì dal sacco tutti scapparono via urlando eprché era davvero troppo troppo brutta. Tutti meno la principessa.
La principessa rimase lì, davanti alla strega e le disse
:-Nonnina, mi spiace molto per come si son comportati i nostri soldati, sarete sgtanca per il viaggio, volete forse qualcosa da bere?-
:-Una tazza di the andrà benissimo- rispose la strega e la principessa corse in cucina a pareparare il the perché non c'era più nessuno e doveva sbrigarsi lei
La strega bevve il the e la principessa le disse
:-Sarete anche affamata, volete qualcosa da mangiare?-
la strega le sorrise sdentata e terribile e le disse
:-Bambina mia, uno dei vantaggi della vecchiaia e che non si mangia più molto, mi acconteterò di un paio di biscottini da mangiare con il the, una fetta di torta, dei crostini con paté di fegato d'oca, tartine e tramezzini, qualche fetta di salame, un paio di prosciutti (uno cotto e uno crudo) pomodiri gratinati, asparigi al forno con le uova, pasta salmone e gamberetti, zucchine grigliate, pasticcio al ragù di carne, pasta al forno con le polpette, polpette, 10 panini con l'hamburger, peperoni in padella, filetto di maiale al pepe verde, pollo al curry, arrosto di cinghiale, 4 chili di insalata, un centinaio di involtini primavera, tanto sushi da ricoprirci almeno un metro quadro, 10 kg di sashimi, una botte di vino buono, fiumi e fiumi di Coca-cola, pancetta e fagioli, antipasto alla giardinera,  fagiolini, bieta e cicoria, 15 torte al cioccolato coi bigné sopra, torte salate, spuma di patate al forno, carciofi, piselli, carote, cetrioli, cervo brasato, renna brasata, anatra all'arancio, gamberi di fiume appena pescati e sgusciati, spaghetti alle vongole, pesce spada alla piastra, polipo alla greca, un paio d'oche arrosto, involtini di petto di tacchino e per finire pompelmo con gli spicchi sbucciati, macedonia di frutta, fragole con panna (quelle mi piacciono, ne voglio almeno una botte piena), 4 angurie e 16 meloni verdi, pesche, mele, pere, castagne, kiwi, pomeli, arance, mandarini e mandaranci, albicocche, ciliegie, percocche, manghi, papaye insalata di riso, insalata di pasta, stufato di vitello e spezzatino di manzo con tante patate arrosto, 13 polli arrosto e tacos a non finire, avocado ai gamberetti, paella di pesce e paella di carne, rfisotto alla milanese, risotto alla veronese, porchetta a fette spesse, mortadella (almeno una forma), una frittata di 18 uova di struzzo, datteri canditi, ananas con la sanbuca, caffé e ammazzacaffé (diversi litri)-
La principessa pensò che la strega mangiava davvero molto, ma non disse nulla, chiamò i cuochi di corte e disse loro di preparare al meglio delle loro capacità tutte le prelibatezze che la strega desiderava, poi chiamò i camerieri e fece imbandire una tavola solo per la strega dei boschi.
Poi si sedette e tenne compagnia alla strega mentre le venivano portate tutte le delizie che aveva richiesto.
La strega mangiò e mangiò, dapprima lentamente, poi sempre più velocemente, e man mano che mangiava la gobba si raddrizzava, i denti si sanavano, i capelli ricrescevano e lei si faceva sempre più bella. Quando finì di bere gli ultimi litri di caffé e ammazzacaffé si era fatta così bella, ma così bella che tutte loe persone del regno venivano e facevano la fila per vederla, ma la strega ricordava bene come tutti fossero stati sgarbati con lei a parte la principessa per cui disse
:-L'unica persona educata qui dentro è la principessa più bella di tutto il mondo e solo a lei concederò di esprimere un desiderio che esaudirò. Dimmi principessa, cosa desideri?-
:-Vorrei che mio fratello divenisse un principe bellissimo- rispose la principessa
:-E dov'è tuo fratello? Fallo portare al mio cospetto!- disse la strega.
Il principe era nella sua stanza a giocare con l'acquario reale degli alligatori, si divertiva molto a sfamarli gettandoci i prigionieri più cattivi, ma il re lo afferrò per un'orecchia e lo portò dalla strega-
:-Eccolo- disse il re, la strega si avvicinò al principe e lo baciò dolcemente. Subito un fulmine cadde dentro il castello, la dove erano il principe e la strega, quando il funo del fulmine magico si dissipò tutti videro con stupore che il principe si era fatto bellissimo e la strega era tornata orribile
:-Beh, è ora che vada- disse la strega schioccò le dita e sparì e da quel giorno nessuno più la vide, ma il principe restò bellissimo e quando crebbe si sposò con una bella principessa da cui ebbe tanti bei figli.

6 commenti:

  1. Giugiu' ha un poco di copyright per questa favola?
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente sì :-) l'inizio è suo, il centru tuo, la fine mia!

      Elimina
  2. Non ho il tempo x leggerla,ora...ma mi dici cme si cambia il cod. x i commenti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ho risposto da te :-) leggi quando hai tempo

      Elimina
  3. Bella. Anche se mi aspettavo che la strega rendesse il principe "relativamente" bello, facendo diventare tutti gli altri più brutti di lui (come nella finta leggenda nordica di un mio vecchissimo racconto). Così il finale è un po' conformista, ossequioso della bellezza esteriore, però, ripeto, mi è piaciuto lo stesso. (Però controlla gli errori di battitura, ne ho scovati di passaggio almeno tre o quattro... :D)
    Se proprio devo trovare un difetto: la scorpacciata che si fa la strega dopo aver detto che alla sua età si ha poco appetito è divertentissima, ma quell'elenco di portate così lungo e poco "movimentato" rischia di annoiare un poco: si poteva dare lo stesso l'idea dell'abbuffata inventando dei piatti molto buffi e improbabii, ma meno numerosi...

    RispondiElimina
  4. la favola era per una bambina di 5 anni, ergo era necessario il finale conformista, anche le portate erano necessarie perché ha riso moltissimo e voleva aggiungerne un sacco anche lei per il resto gli errori di battitura lo so, son moltissimi, dovrei rileggere quel che scrivo almeno una volta ogni tanto :-D

    grazie per essere passato e aver letto :-)

    RispondiElimina